IL LABRADOR 

{
labrador2-300x180

                    

                                                           Il Labrador non è solo un cane!  
                                                           In realtà il nome della razza è geografico e deriva da una regione del Canada,                                                                                                                     vicinissima all’isola di Terranova (che a sua volta ha dato il proprio nome a una razza canina,

                                                           come tutti sappiamo).
                                                           Su queste coste, anticamente, viveva il cane di St. John, oggi estinto (St. John’s è una città dell’isola di                                                                             Terranova), probabile progenitore di entrambe le razze.

 

                                                           Il cane di St. John era un cane da acqua, proprio come gli odierrni Labrador

                                                           e Terranova; il suo compito era quello di recuperare i merluzzi che sfuggivano

                                                           alle reti dei pescatori.

Diversi Autori del 7-800 citano questi cani chiamandoli indifferentemente St. John, Labrador o Terranova: 

quindi non è possibile sapere esattamente come e quando le razze si differenziarono.  Un tempo si  pensava 

che  il  cane  di  St. John  fosse  nato da  incroci  casuali  tra  i  cani  usati  sui pescherecci canadesi:

ma l’allevatrice Mary Roslin-Williams contestò questa teoria affermando che non sarebbe stato possibile

selezionare il manto nero puro (unico colore dei cani di St. John,  e  in origine unico colore ammesso nel                          Cane di St. John

Labrador) tramite incroci casuali.  Ancor più difficile, se possibile, sarebbe stato selezionare l’attitudine al riporto.   

 

                                                 Una seconda teoria vedrebbe il Labrador discendere dal portoghese Cao de Castro Laboreiro (tuttora                                                                          esistente), che sarebbe giunto nell’isola di Terranova al seguito dei portoghesi del Nord, dediti a traffici                                                                        marittimi. I pescatori canadesi, incapaci di pronunciarne correttamente il nome, avrebbero cominciato a                                                                    chiamare il cane come la regione confinante che aveva un nome molto simile.
                                                        Il Cao de Castro Laboreiro, però, non è nero ma grigio scuro (anche con tigrature): quindi, anche in questo                                                                  caso, non si capisce da dove sarebbe saltato fuori il nero puro.

 

 

 Cao de Castro Laboreiro          La verità è che non sappiamo nulla di preciso sulle origini più remote della                                                                  razza: invece conosciamo bene la sua sua storia recente, tutta inglese, che inizia con l’importazione del

maschio  Buccleuch Avon  (nella foto a destra),  nato nel 1885,  da  parte  di  Lord  Malmesbury,  che  è

considerato il “padre della razza” in Gran Bretagna.
Avon era nero, come tutti i cani dell’epoca, ma era portatore di chocolate (che all’epoca veniva chiamato

“liver”, fegato).

Il chocolate,  proprio come il giallo, in origine veniva considerato gravemente difettoso e i cuccioli con

questi mantelli venivano soppressi alla nascita: ma un discendente di Buccleuch Avon,  nato nel 1915,                                  Banchory Bolo  manifestò caratteristiche eccezionali sia di bellezza che di lavoro (fu il primo cane ad ottenere il titolo di “Dual champion”) e venne usato moltissimo in riproduzione. Così i suoi geni “chocolate” vennero trasmessi per oltre mezzo secolo, fino al riconoscimento dei colori diversi dal nero. Dopo un iniziale periodo di confusione tra Labrador e Terranova, in Inghilterra si fece finalmente chiarezza; nel 1904 arrivò il riconoscimento ufficiale e nel 1916 nacque il primo Club di razza.
Sulle orme di Lord Malmesbury nuovi allevatori si appassionarono al Labrador e cominciarono a selezionarlo come retriver: ricordiamo tra tutti Lady Howe, con l’affisso “Banchory”, e Mrs Broadley, con l’affisso “Sandylands”, il più famoso nella storia della razza (produsse oltre settanta campioni).
Dopo un lungo periodo in cui i cani continuarono ad essere solo neri, finalmente Mn. Wonnald (affisso “Knaight”) decise che non era giusto sopprimere cuccioli sani solo perché il loro mantello non era riconosciuto dallo Standard: cosi, preso il coraggio a due mani, portò per la prima volta un giallo in esposizione… ed ottenne uno strepitoso successo di pubblico. Cosi il giallo venne ammesso nello Standard e nel 1925 nacque addirittura un Club riservato esclusivamente a questa varietà di colore.
Poco più tardi venne riconosciuto anche il chocolate (inizialmente chiamato “fegato”): la prima campionessa di questo colore fu Cookridge Tango, allevata dalla signora Pauling.

Pet Therapy

Era il 1953 quando lo psichiatra americano Boris Levinson scoprì in maniera del tutto casuale che la presenza del suo cane in studio agevolava notevolmente il rapporto con i suoi piccoli pazienti. 
Il cane, infatti con il suo comportamento affettuoso e gentile era in grado di distrarli e rilassarli, favorendo il dialogo e permettendo l'instaurarsi di un rapporto di reciproca fiducia tramedico e paziente.

Caratteristiche

​​Chiedetegli di nuotare o di riportare, e sarà il cane più felice del mondo. Ma il Labrador non è solo un retriever e non si addice solo a chi ama la caccia: è anche un cane dolcissimo, che adora giocare con i bambini e che vive per rendere felice il padrone. Dall'irresistibile tenerezza del cucciolo alla docilità e all'addestrabilità dell'adulto, questo breve filmato vi svelerà i segreti di una razza che merita tutto il successo e la simpatia che sta riscuotendo nel mondo.
Salvataggi

 Fra i tanti "compiti" del Labrador ho scelto quello sulla neve perchè mostra bene il lavoro di questo cane. 
In meno di un minuto arriva al luogo dove si trova il disperso, richiama il padrone, scava, e lo libera dalla neve. E' spettacolare vedere in azione questo Labrador, in forze al Corpo Nazionale del Soccorso alpino, durante un'esercitazione effettuata oggi ai Piani di Bobbio, nell'ambito dell'iniziativa "Sicuri con la neve" che ogni anno propone ad escursionisti, scialpinisti e appassionati una formazione sul campo su come muoversi nella montagna invernale.​
ace4731d28050ebcae7ab98b54005778
Amico
Labrador
 
© www.amicolabrador.it
Create a website